Il Distretto intende promuovere, sostenere e favorire le iniziative e i programmi di sviluppo su base territoriale tesi a rafforzare la competitività, l'innovazione, l'internazionalizzazione, la creazione di nuova e migliore occupazione e la crescita, oltre che il consolidamento delle imprese che operano nel settore della filiera florovivaistica

Il Distretto opererà al fine di:

  • trasmettere in tutti i soggetti coinvolti a vario titolo lungo tutta la filiera, la necessità di operare in un'ottica di "sistema" costituendo alleanze sinergiche orientate al raggiungimento di più elevati standard qualitativi e quantitativi;
  • implementare nuove tecniche e metodologie di produzione e gestione in grado di porre rimedio a carenze ormai fisiologiche all'intero comparto florovivaistico
  • interloquire nei confronti di qualsiasi ente e/o organismo, pubblico o privato, in grado di adottare, promuovere e far perseguire orientamenti politico - economici tali da generare immediate ripercussioni sull'intero comparto florovivaistico regionale;
  • promuovere una costante campagna di informazione, a favore di tutte le imprese aderenti nel duplice intento di renderle maggiormente consapevoli delle opportunità e delle possibilità derivanti dalla politica per lo sviluppo economico regionale, oltre a sensibilizzarle alla predisposizione di progettualità realmente capaci di cogliere tutte le potenzialità insite negli strumenti al servizio della politica di sviluppo locale;
  • proporsi quale referente nella predisposizione degli atti di pianificazione territoriale, comunale, provinciale e regionale per una gestione del territorio che sostenga le attività delle imprese florovivaistiche e ne favorisca lo sviluppo eco-compatibile;
  • promuovere la ricerca nell'intera filiera con la realizzazione di attività di orientamento tecnologico e varietale, unitamente alla promozione delle produzioni destagionalizzate;
  • promuovere la formazione scolastica superiore, universitaria ed aziendale;
  • contribuire alla pianificazione territoriale di livello provinciale e comunale per l'individuazione delle aree a destinazione agricola/florovivaistica;
  • dare pareri ed indicazioni sulle "Grandi Opere" in progetto nel territorio del Distretto;
  • attivare, promuovere e consolidare, ove già esistenti, collegamenti con le Università e con i Centri di Ricerca perseguendo l'obiettivo dell'innovazione di prodotto e di processo;
  • contribuire a sviluppare scambi di beni, servizi e conoscenze con altri organismi, pubblici o privati, singoli o associati operanti nel settore florovivaistico comunitario ed extracomunitario;
  • proporsi quale soggetto interlocutore, offrendo anche pareri e indicazioni, in merito alle scelte di politica dei trasporti e piĆ¹ in generale sulle questioni inerenti la logistica;
  • proporre la creazione e la gestione di un "Osservatorio sul Florovivaismo" per la raccolta di dati e di informazioni utili, anche attraverso le strutture mercatali, che permettano di monitorare il settore pugliese, consentendo la programmazione delle produzioni e la promozione con maggior efficienza;
  • individuare, promuovere ed incentivare qualsiasi tipo di iniziativa o azione in grado di generare benefici incondizionati per l'intero comparto florovivaistico regionale.